Associazione Geometri di Valle Camonica Associazione Geometri di Valle Camonica

Breve presentazione

Elenco dei soci

rosso Angeli Angelo Luigi Via S. Briscioli, 7 25044 Capo di Ponte
verde Arici Elio Via V. Veneto 34 25042 Borno BS
rosso Armanni Giuseppe VIA I MAGGIO, 20 25050
verde BOSSINI LORENZO C. GOLGI 25050 - PASSIRANO (BS)
verde Baccanelli Amelia Agnese Via Mulino, 9 25050 Pian Camuno BS
verde Baffelli Ilario via Sergola, 4 25053 Malegno BS
verde Baisotti Vittorio Via Milano, 25 25042 Borno BS
verde Ballardini Diego Luzzana Sup. 11 25040 Bienno BS
rosso Balzarini Angelo Via Mulini 20 24060
verde Bazzana Marco Via A. Manzoni, 141 25040 Berzo Inferiore BS
verde Bellegrandi Luca Pozzacher 2 25057 Sale Marasino BS
verde Berneri Massimiliano Via Premia, 5 25050 Vione BS
rosso Bonfadini Alessio Via Broli 35 25040 Gianico BS
verde Bonicelli Silvano Via Brodolini, 4 25047 Darfo Boario Terme BS
verde Bottichio Aleandro Fontanelle 15/B 25050 Ossimo (BS)
verde Casalini Masnovi Gian Franco Via Ronchi, 45 25040 - Ono San Pietro
verde Cassio Filippo PIEVE, 9 25040 Cividate Camuno BS
verde Cere Massimiliano Via A. Caprani n.20 25053 Malegno (Bs)
giallo Ciotti Guido Via F.lli Kennedy 4 24062 Costa Volpino (BG)
rosso Comella Ezio Via Marconi, 134 25040 Gianico BS
rosso Comensoli Gabriele Via Adamello, 21 25043 Breno BS
rosso Contessi Luca P.zza marconi n. 1 24062 Costa Volpino BG
verde Cotti Federico Via Valeriana, 44 25040 Gianico BS
verde Cretti Angelo Cuche, 1 25040 Cividate Camuno BS
verde Cretti Matteo Via Adamello, 13 25040 Artogne BS
verde Damiola Sergio Via Pieve 15 25040 Cividate Camuno BS
verde Damiola Stefano Piazza Nikolajewka, 6 25040 Cividate Camuno BS
verde Damioli Giacomo Via Don G. Guadagnini, 7 25040 Cividate camuno BS
verde Damioli Tommaso Via Cortiglione, 44 25040 Cividate Camuno BS
verde Do Provino Via Buonarroti 11 25047 Darfo Boario Terme BS
verde Donati Luca Domenico Via Villini 4 25056 Ponte di Legno BS
verde Donina Norman Via Nazionale, 9 25040 Ceto BS
verde Ducoli Gina via cava 1 25053 Malegno BS
verde Farisoglio Emanuela Via S. Carlo n.27 25047 Darfo Boario Terme BS
rosso Federici Rosanna Via Nazionale, 205/A 24062 Costa Volpino BG
verde Feriti Lorenzo Via Broli 35 25040 Gianico BS
verde Ferrari Daniele Dante 49 25050 Vione BS
rosso Ferrari Giuseppe Nazionale 24 25044 Capo di Ponte
rosso Ferri Lorenzo Isola 2 25043 Breno
rosso Finini Claudio ViaTorta 3 25040 Esine (BS)
verde Fiorini Vasco Vicolo Chiosi, 5 25047 Darfo BoarioTerme
verde Forzinetti Gabriele Vicolo Santa Maria11 25048 Edolo BS
rosso Franzoni Bruno Via Geroni 14 25055 Gratacasolo BS
verde Franzoni Manuel Via San Rocco, 21 25050 Ossimo BS
verde Furloni Anna Cristina Via degli Alpini, 28 25053 Malegno BS
verde Furloni Matteo Via Fontana, 13 25053 Malegno BS
verde Gabrieli Paolo Via Piave, 16 24020 Cerete BG
verde Gaudenzi Franco Via Rivea 15 25040 Ceto BS
rosso Gazzoli Gian Mario Via Del Lanico 115 25053 Malegno BS
giallo Gelmi Michele Via Derna 33 25048 Edolo BS
verde Gheza Luciano Via Piana 9 25042 Borno BS
verde Gheza Paola Via Pittor Nodari, 26/B 25040 Esine BS
rosso Ghitti Paolo Via Saletti, 1/G 25047 Darfo Boario Terme BS
rosso Gregorini Massimiliano Via Valeriana, 21 25059 Vezza d'Oglio BS
verde Gregorini Michele Via Dante, 40 25059 Vezza d'Oglio BS
verde Guarischi Giovanni Valeriana, 33/B 25059 Vezza d'Oglio BS
verde Imsirovic Belmin Guglielmo Marconi 25 25047 Darfo B.T.
verde Iora Diego Via Del Sacco 30 25047 Darfo Boario Terme BS
verde Isonni Damiano Celestino Via Macallè, 10 25050 Ossimo BS
rosso Isonni Giulia Via S. Antonio, 22 25050 Ossimo BS
verde Lissana Piergiovanni Via San Pancrazio 48 25036. palazzolo sull'Oglio
verde Lissidini Francesco Via San Giovanni, 5 25059 Vezza d'Oglio
verde Maranta Fulvio Via Cavour, 12 25055 Pisogne BS
rosso Marinoni Marco Torre Alta n°16 25050 Pian Camuno BS
verde Mariolini Danilo Via Contini, 16 25040 Angolo Terme BS
verde Massa Mauro Via Santa Barbara, 5 24060 Rogno BG
verde Massaroni Riccardo Via Regina Elena 25047 Darfo Boario Terme BS
verde Mazzoli Pietro piazza vielmi 9 25043
verde Medici Daniele Via Saletti, 16 24062 Costa Volpino BG
verde Medici Giacomo Via Saletti, 16 24062 Costa Volpino BG
verde Meni Fabrizio Via Bertolotti, 12/A 24065 Lovere BG
verde Moglia Vitale Via Dott. G. Castagna, 15 25040 Cividate Camuno BS
verde Molinari Ermanno Via Largo Leonardo da Vinci, 5 24060 Rondinera Rogno BG
verde Molinari Rinaldo Via E.Fermi 4 25040 Artogne BS
verde Monchieri Fabio Viale Caduti n. 2 25040 Berzo Inferiore BS
verde Mondinelli Jonathan Via Galileo Galilei, 19 25050 Pian Camuno BS
verde Mora Roberto Via Milano 7 25040 Malonno BS
verde Moraschetti Claudio Antonio Via Rissona, 3 25051 Cedegolo BS
verde Moreschi Tiziano Via Torre, 42 25040 Malonno BS
verde Nodari Graziano Via Don Bassi, 5 25052 Piancogno BS
verde Nodari Michela Via Leutelmonte, 70 25040 Esine BS
rosso Ogliari Alessandro Via Virgilio n. 5 25047 Darfo Boario Terme BS
verde Pedersoli Alessandro Via Alberzoni Paola, 22 25047 Darfo Boario Terme BS
verde Pedretti Gian Paolo via Tempini, 7 25040 Bienno BS
verde Pernici Fabio Via Carlo Magno 31 25047 Darfo Boario Terme BS
verde Pezzotti Claudio Via Fucine, 16 25047 Darfo Boario Terme BS
rosso Pezzucchi Marco Gennaro Sora, 46 25048 Edolo BS
rosso Piazzani Maurizio Via Valle Camonica, 7 25040 Malonno BS
verde Piovanelli Claudio Via Dei Patrioti, 20 25040 Berzo Inferiore BS
verde Quetti Aristide Via Adamello, 13 25040 Artogne BS
verde Regazzoli Bortolo Via S. Briscioli, 7 25044 Capo di Ponte
rosso Richini Elena Mario Rigamonti, 16 25047 Darfo Boario Terme BS
rosso Richini Riccardo Via Cecovi, 35 25047 Darfo Boario Terme BS
verde Rinaldi Fabrizio Lobbia Alta 3 24062 Costa Volpino (BG)
verde Rivadossi Fabio Corso Italia, 55 25047 Darfo Boario Terme BS
verde Rizzi Pietro Via Roma, 15 25040 Cividate Camuno BS
verde Rocchini Emanuele via cavour 6/c 24060 Sovere BG
verde Rodondi Egidio Pradella,1 25040 Corteno Golgi BS
verde Ruggeri Gino Via Nazionale, 6 25044 Capo di Ponte
verde Sacristani Giovanni Via Prati Cantù, 6/B 25047 Darfo Boario Terme BS
rosso Salari Remo Roma, 10 25050 Paspardo BS
verde Salaris Francesco ViaPiazzale Belvedere, 1 25040 Cerveno BS
verde Salvetti Diego Via Stassano, 14 25047 Darfo Boario Terme BS
verde Salvini Vittorio via foppo, 39/a 25043 Breno BS
rosso Savoldelli Laura CASTAGNETO, 2 25047 DARFO B. T.
verde Schiavi Oscar CAPPELLINI 130 25047 Darfo Boario Terme BS
verde Sembinelli Giancarlo Via Trento, 19 25050 Vione BS
verde Silini Alessandro Via Antica Valeriana 4/a 25055 Pisogne BS
verde Simonini Gilberto Via Valle, 20 25040 Berzo Demo BS
verde Sorlini Roberto Torrione 1 24062 Costa Volpino (BG)
rosso Stefani Pier Luigi Via Pergole, 28/c 25040 Cerveno BS
verde Sterli Diego Via Très, 3 25050 Vione BS
verde Surini Michele Via Vittorio Veneto, 28/D 25052 Piancogno BS
verde Taboni Donato Via Capuccini snc 25043 Breno BS
rosso Tagliaferri Cristina Via Valle, 40 24020 Colere (BG)
verde Testa Fabio Viale Caduti 48 25040 Berzo Inferiore BS
verde Testa Fiorenzo Viale Caduti, 82 25040 Berzo Inferiore BS
verde Tomasi Daniele Trieste 56/B 25050 Vione BS
verde VAIRA marco VIA SEB. BRISCIOLI, 7 25044 Capo di Ponte
verde Vielmi Federico Via San Vito, 10 - Fraz. Astrio 25043 Breno BS
verde Zanardini Rosanna Via Mascagni, 2 25050 Pian Camuno BS
rosso Zanotti Riccardo Via Sala n. 58 25048 Edolo BS
rosso Zendra Ivan Piazza San Damiano, 2 25050 Ossimo BS
verde Zeziola Orietta Via Adamello, 1A 25052 Piancogno BS
verde Zezza Emmanuel Via Alessandro Manzoni, 90 25040 Esine BS
verde Ziliani Norman Via S.Pietro 12 25050 Pian Camuno BS

Consiglio direttivo 2016-2020

componente direttivo
Farisoglio Emanuela
Via S. Carlo n.27
25047 Darfo Boario Terme BS
tel.: 0364529645
email: far.geo@libero.it

componente direttivo
Salvetti Diego
Via Stassano, 14
25047 Darfo Boario Terme BS
tel.: 0364529840
email: salvettidiego@libero.it

componente direttivo
Rivadossi Fabio
Corso Italia, 55
25047 Darfo Boario Terme BS
tel.: 0364 531610
email: geomrivadossi@gmail.com

componente direttivo
Pezzotti Claudio
Via Fucine, 16
25047 Darfo Boario Terme BS
tel.: +390364532478
email: claudio.pezzotti@tin.it

componente direttivo
Ducoli Gina
via cava 1
25053 Malegno BS
tel.: 0364/342109
email: ginaducoli@libero.it

componente direttivo
Furloni Matteo
Via Fontana, 13
25053 Malegno BS
tel.: 0364 340170
email: geom.furloni@gmail.com

componente direttivo
Ruggeri Gino
Via Nazionale, 6
25044 Capo di Ponte
tel.: 3356170168
email: ruggerigino@libero.it

componente direttivo
Zezza Emmanuel
Via Alessandro Manzoni, 90
25040 Esine BS
tel.: 3207627941
email: geom.zezza@gmail.com

componente direttivo
Pedretti Gian Paolo
via Tempini, 7
25040 Bienno BS
tel.: 3280320327
email: pedretti.gianpaolo@gmail.com

componente direttivo
Ballardini Diego
Luzzana Sup. 11
25040 Bienno BS
tel.: 3462322777
email: ballardinidiego@gmail.com


Collaboratori esterni al Consiglio

collaboratore
Bonicelli Silvano
Via Brodolini, 4
25047 Darfo Boario Terme BS
tel.: 3202767311
email: macariobonicelli@tiscali.it
collaboratore
Massaroni Riccardo
Via Regina Elena
25047 Darfo Boario Terme BS
tel.: 0364 536795
email: r-massaroni@libero.it
collaboratore
Mazzoli Pietro
piazza vielmi 9
25043
tel.: 0364321551
email: pieromazzoli@libero.it

Una termocamera per l’Associazione Geometri di Valle Camonica

Gian Paolo Pedretti da “IL GEOMETRA BRESCIANO - 2017/1”

Buone notizie per i soci dell’Associazione valligiana che d’ora in poi potranno usufruire dell’utilizzo di questo importante strumento.

Il Consiglio dei Geometri di Valle Camonica, in linea con lo spirito associativo, ha deliberato per l’acquisto di questa utile strumentazione al fine di consentirne un utilizzo anche a chi non avesse possibilità di accollarsi singolarmente tale spesa, aumentando così le possibilità di crescita professionale e creando nuove opportunità lavorative.

La termocamera acquistata, una FLIR 440 BX, è di fascia alta sia come risoluzione che come qualità del sensore. Questo potrà consentire un utilizzo a 360° e sarà in grado di soddisfare ogni esigenza lavorativa. È risaputo infatti che con questa tecnologia è possibile svolgere molteplici funzioni, ad esempio la rilevazione e la quantificazione dei ponti termici, la ricerca di perdite nel sistema di distribuzione del riscaldamento e ACS, la diagnosi e la pianificazione una riqualificazione energetica degli edifici, l’identificazione di i punti critici di condensa per contrastare l’insorgere di muffa, insieme ad altre svariate possibilità di utilizzo.

Oltre a dare la possibilità di usufruire della termocamera, l’Associazione si è occupata anche di diffondere le conoscenze in tale ambito. Al fine di provvedere a una formazione entry level professionale, si terrà presso la sede in Breno un corso pratico che sarà svolto nei giorni 7 e 8 aprile 2017.

Per chi fosse interessato si informa che la termocamera è già stata messa a disposizione degli associati ed è utilizzabile a fronte di un piccolo rimborso per l’ammortamento dell’importante spesa sostenuta.


Assemblea Annuale Associazione Geometri di Valle Camonica

Gino Ducoli da “IL GEOMETRA BRESCIANO - 2016/2”

Grande affluenza all'Assemblea Annuale dell'Associazione Geometri di Valle Camonica che si è svolta venerdì 26 febbraio 2016 presso la sede di Breno. Ciò dimostra l'interesse dei colleghi geometri alla nostra realtà e che il Consiglio Direttivo e tutti i volontari dell'Associazione sono riusciti a trasmettere il messaggio fondamentale: unire le energie per migliorare Il lavoro!
Durante tale Assemblea si sono svolte le votazioni del nuovo Consiglio Direttivo, in carica dal 2011. È stata riconfermata la fiducia a 6 consiglieri: Emanuela Farisoglio, Ducoli Gina, Matteo Furloni, Pezzotti Claudio, Fabio Rivadossi e Salvetti Diego; 3 i nuovi eletti: Ballardini Diego, Gianpaolo Pedretti e Roberto Sola. Le votazioni del nuovo Consiglio Direttivo sono state l'occasione per fare un bilancio del lavoro svolto in questi anni. Ripercorriamo le tappe principali dell'Associazione Geometri di Valle Camonica dalla sua fondazione.

Luglio 2009: è stata ufficialmente costituita l'Associazione. L'idea della sua creazione è nata dalla volontà di migliorare le condizioni dell'esercizio della professione sul territorio valligiano, proprio perché la Valle Camonica, tanto da un punto di vista geografico quanto sotto l'aspetto della professione, è una realtà con peculiarità proprie e diverse rispetto a quelle di una città o di altre aree della provincia. L'intenzione era quella di fondare un'Associazione senza scopo di lucro, estranea a qualunque orientamento politico, per facilitare e migliorare lo svolgimento della professione in Valle. Come dimostrato nel tempo i geometri camuni non intendono sostituirsi in alcun modo all'ordinamento provinciale di appartenenza, bensì affiancarsi come organismo di sostegno. per colmare le distanze che realisticamente il Collegio non può coprire. In tutti questi anni c'è sempre stato un riscontro positivo ed una grande sinergia con il Collegio di Brescia, non solo nell'organizzazione dei corsi di formazione. Tale collaborazione fa da tramite tra il Collegio e i suoi iscritti.

Anni 2009-2010: fino all'Assemblea del 2011, come da statuto, l'Associazione è stata composta da un Consiglio Direttivo provvisorio.Marzo 2011: si è tenuta la prima Assemblea Annuale dell'Associazione Geometri di Valle Camonica con le votazioni del Consiglio Direttivo Ufficiale.

Gennaio 2012: l'Associazione Geometri di Valle Camonica ha una nuova sede grazie all'amministrazione comunale di Breno che concede in comodato d'uso gratuito i locali posti nell'edificio in Via G. Mazzini n. 12/A e l'impegno di colleghi volenterosi nell'esecuzione di alcuni lavori di sistemazione.

Febbraio 2016: si è svolta l'Assemblea Annuale dell'Associazione Geometri di Valle Camonica che oltre alla sintesi dell'attività svolta ed alla presentazione del bilancio consuntivo 2015 e preventivo 2016, quest'anno ha coinciso anche con la scadenza del mandato del Consiglio Direttivo. Si è quindi provveduto alla votazione dei nove nuovi consiglieri. Le preferenze dei 55 votanti hanno portato al seguente esito elettorale:
1. Emanuela Farisoglio 46 preferenze (neo eletto consigliere)
2. Cina Ducoli 41 preferenze (neo eletto consigliere)
3. Matteo Furloni 39 preferenze (neo eletto consigliere)
4. Claudio Pezzotti 36 preferenze (neo eletto consigliere)
5. Fabio Rivadossi 34 preferenze (neo eletto consiglierei
6. Gianpaolo Pedretti 31 preferenze (neo eletto consiglierei
7. Diego Salvetti 29 preferenze (neo eletto consigliere)
8. Diego Ballardini 28 preferenze (neo eletto consigliere)
9. Roberto Sola 24 preferenze (neo eletto consigliere)
10. Gino Ruggeri 24 preferenze
11. Elena Richini 16 preferenze
12. Roberta Guizzetti 16 preferenze
13. Giacomo Scalvinoni 8 preferenze

Marzo 2016: i neo Consiglieri hanno designato le cariche del nuovo Consiglio Direttivo:
Presidente: Emanuela Farisoglio
Vice-presidente: Matteo Furloni
Tesoriere: Roberto Sola
Segretario: Gian Paolo Pedretti
nonché i membri del Collegio dei Revisori dei Conti:
Presidente: Gino Ruggeri
Revisore: Silvano Bonicelli
Revisore: Riccardo Massaroni.

Gli obiettivi dell'Associazione GVC non sono cambiati e restano: tutelare la professione, incentivare lo spirito associativo, supportare il Collegio Provinciale, organizzare corsi per la formazione professionale, aiutare nell'inserimento dell'attività lavorativa i giovani geometri e sostenere gli Istituti Tecnici Scolastici della Valle Camonica.
In tutti questi anni si è lavorato insieme per fare in modo che tali obiettivi venissero raggiunti con diverse iniziative: numerosi sono stati gli eventi formativi organizzati, sia in autonomia che con l'appoggio del Collegio di Brescia; l'Associazione Geometri di Valle Camonica si è dedicata con diverse attività all'inserimento dei giovani geometri tra le quali, da 3 anni, alcuni Consiglieri tengono gratuitamente un corso di approfondimento sul catasto agli alunni dell'Istituto “Meneghini” di Edolo, ha collaborato gratuitamente con il Comune di Breno per la sistemazione della sede dell'Unione Antichi Borghi di Valle Camonica. fornisce un servizio di consulenze catastali direttamente in sede, ha favorito la collaborazione con le analoghe associazioni di liberi professionisti presenti sul territorio (MC e ARCA) e tanto altro.
La valutazione è senz'altro positiva, anche maggiore delle iniziali aspettative. Attualmente l'Associazione conta 119 iscritti ma si spera di riuscire ad incrementare tale numero. Ricordiamo che possono iscriversi all'Associazione i colleghi iscritti al Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della provincia di Brescia e Bergamo, residenti o che esercitano la libera professione in Valle Camonica, Val di Scalve e nei Comuni di Lovere, Costa Volpino e Rogno.
Sono ammessi anche i geometri diplomati o iscritti all'elenco dei praticanti delle medesime zone. Inoltre, sul nostro sito intemet: www.geometrivallecamonica.it trovate numerose informazioni tra le quali i corsi in programma e le convenzioni che danno diritto a scontistiche in alcune realtà della Valle Camonica.
È comunque garantita l'apertura della sede il martedì dalle ore 10 alle ore 12 e il venerdì dalle ore 16 alle ore 18. Per ringraziare i colleghi che decideranno di sostenere la nostra l'Associazione, anche quest'anno, con il rinnovo dell'iscrizione per il 2016 regaleremo un gadget ritirabile in sede. Non ci resta che augurare ai Consiglieri un buon lavoro e lunga vita alla nostra Associazione.


Emanuela Farisoglio resta al timone dell'Associazione

da “GIORNALE DI BRESCIA - 21-3-2016”

Tutelare la professione, rafforzare la presenza sul territorio e tendere la mano a nuove collaborazioni. Tempo di votazioni per l'Associazione Geometri di Valle Camonica: nei giorni scorsi, l'assemblea dei soci si è riunita per fare un bilancio delle attività svolte e rinnovare il direttivo che resterà in carica per cinque anni.

Per il secondo mandato consecutivo, Emanuela Farisoglio è stata eletta presidente e sarà affiancata da Gina Ducoli, Matteo Furloni, Claudio Pezzotti, Fabio Rivadossi e Diego Salvetti. New-entry Diego Ballardini, Gianpaolo Pedretti e Roberto Sola.

Ad oggi gli iscritti sono 119, ma si punta ad incrementare la partecipazione. «L'associazione è stata costituita nel 2009 ma, oggi come allora, gli obiettivi non cambiano», ha spiegato il presidente. Tutelare la professione, incentivare lo spirito associativo, organizzare corsi, aiutare nell'inserimento dell'attività lavorativa i giovani geometri e interagire con le scuole. Il tutto in collaborazione con il consiglio provinciale. Da tre anni alcuni consiglieri organizzano un corso sul catasto agli alunni dell'Istituto Meneghini di Edolo.


Edolo: interventi di micro-specializzazione con il corso sul catasto

da “IL GEOMETRA BRESCIANO - 2014/4”

Martedì 20 maggio presso l’Istituto Meneghini di Edolo è avvenuto l’incontro con i ragazzi della classe V G che nel corso dell’anno scolastico hanno seguito il corso di approfondimento sul catasto della durata di sedici ore, di cui sei dedicate alle esercitazioni pratiche, con test di valutazione finale. Il corso, organizzato in collaborazione con il Collegio geometri di Brescia e con l’Associazione geometri di Valle Camonica, è stato gestito dai colleghi Giacomo Damioli, Matteo Furloni, Fabio Rivadossi, Diego Salvetti ed ha riguardato la trattazione del seguente programma:

U.D. 1 – Il catasto italiano
– Funzioni del catasto
– Storia del catasto
– Caratteristiche del catasto
– Organizzazione e amministrazione del catasto

U.D. 2 – Il catasto terreni
– Formazione del catasto
– Struttura delle informazioni
– Pubblicazione e attivazione del catasto
– I documenti catastali
– La conservazione del catasto terreni: variazioni soggettive, variazioni oggettive, procedure informatiche di aggiornamento, procedure di trattamento dei documenti tecnici di aggiornamento

U.D. 3 – Il catasto fabbricati
– Formazione del catasto fabbricati
– Conservazione
– Dichiarazione delle nuove unità immobiliari
– Variazioni soggettive
– La consultazione degli atti catastali ed il rilascio dei certificati

U.D. 4 – Documenti e procedure operative
– Visure per soggetto
– Predisposizione e compilazione modelli (DI – INB)
– Predisposizione e compilazione elaborati grafici (elaborato planimetrico, schede catastali...)

U.D. 5 – Dalla teoria alla pratica
– Dal rilevo all’avvenuto accatastamento

Queste le competenze attestate alla frequenza del corso ed al superamento del test finale:
– Rilevare il Territorio, le aree libere ed i manufatti, scegliendo le metodologie e le strumentazioni più adeguate ed elaborare i dati ottenuti;
– Utilizzare gli strumenti idonei per la restituzione grafica dei rilievi;
– Compiere le operazioni di conservazione del catasto terreni e del catasto fabbricati;
– Redigere un atto di aggiornamento del catasto terreni utilizzando procedimenti informatici.

Tutti ampiamente positivi sono risultati gli esiti dei test sostenuti dai ragazzi, dei quali riportiamo i nominativi con la valutazione, in centesimi, ottenuta al test finale:
Bresadola Elio (cento), Bernardi Alberto (novantasei), Damiolini Cesare (novantaquattro), Bianchi Denis (novantaquattro), Taddei Francesca (novantaquattro), Cattane Davide (novantadue), Lippi Raffaele (novantadue), Gaudiosi Matteo (novantuno), Moia Luca (novanta), Moreschi Pietro (ottantanove), Moranda Claudio (ottantanove), Calufetti Manuel (ottantotto), Miorada Mattia (ottantaquattro), Pogna Ivan (ottantuno), Ferrari Andrea (settantasette), Touil Aziz (settantasei), Barneri Veronica (settantacinque), Ferrari Diego (settantacinque).
Il Dirigente dell’Istituto, prof. Silvio Moratti, ha ringraziato i geometri cha hanno prestato il loro tempo e la loro professionalità per questo progetto e i ragazzi che hanno risposto con entusiasmo alla proposta dell’Istituto. Il geom. Giovanni Platto, presidente del Collegio di Brescia, ha ringraziato i docenti dell’Istituto per la passione con la quale svolgono la loro attività, assicurando la sempre pronta collaborazione del Collegio. Il Presidente, nell’occasione, ha evidenziato ai ragazzi l’importanza dello studio, ricordando che è dalla scuola che si comincia a combattere la crisi economica e quella comportamentale, allenando i ragazzi alle prime difficoltà ed alla possibilità di lavorare in team per contrastarle. I geometri Damioli e Furloni nel consegnare gli attestati ai ragazzi, avendo curato personalmente anche la correzione del test finale, hanno evidenziato come i ragazzi abbiano particolarmente recepito quanto spiegato loro in riferimento all’attività di corretta classificazione delle unità immobiliari.

Di seguito proponiamo il test che i ragazzi hanno superato (a seguito della domanda erano proposte alcune possibili risposte, delle quali una sola era quella esatta da barrare):
1 - Il candidato descriva tre caratteristiche che differenziano la mappa a perimetro chiuso da quella a perimetro aperto.
2 - Il candidato elenchi almeno tre elementi descrittivi di una visura al C.T.
3 - Il candidato descriva sinteticamente, gli elementi che caratterizzano una monografia di un qualsiasi punto fiduciale, ovvero come essa risulta essere strutturata.
4 - Qual è la Circolare che sancisce le modalità operative per l’ esecuzione delle pratiche di accatastamento?
5 - Quale procedura consente di inserire nuove dividenti su una o su più particelle ?
6 - Quale procedura consente di inserire nuovi fabbricati su una o su più particelle ?
7 - È possibile inserire un fabbricato con superficie inferiore ai 20 mq senza rilievo strumentale, ovvero senza l’ utilizzo dei punti fiduciali?
8 - Esiste un atto di aggiornamento al C.T. in cui non si definiscono misure?
9 - Cosa identifica il simbolo “coda di rondine” e/o “osso di morte”?
10 - Cosa simboleggia la linea puntinata in cartografia?
11-È possibile inserire in mappa un fabbricato interrato senza eseguire un rilievo strumentale con i punti fiduciali?
12 - In quale caso, cartograficamente, si parla di Foglio Logico?
13 - Il mappale STRADE risulta intestato in visura catastale?
14 - Il mappale ACQUE risulta intestato in visura catastale?
15 - A quale distanza, approssimativamente, sono posizionati i punti fiduciali in mappa?
16 - Quale è il nome tecnico dell’ estratto di mappa rilasciato per predisporre un atto di aggiornamento?
17 - È possibile eseguire un tipo mappale /tipo frazionamento utilizzando solo 2 PF ?
18 - Quando è consentito l' utilizzo del Punto Ausiliario?
19 - È vero che la nuova versione di PREGEO permette l' approvazione automatica delle pratiche?
20 - Se eseguo un rilievo con strumentazione GPS posso avvalermi del punto ausiliario per la chiusura del triangolo di inserimento?
21 - In un Comune con mappa a perimetro chiuso quante particelle identificate con il numero 10 posso trovare?
2 - Sulla scorta di quanto sviluppato nel corso di cui al seguente test. Le visure catastali risultano probatorie per definire i diritti di proprietà sulle particelle in essa identificate?
23 - Principali funzioni del catasto fabbricati
24 - Cos’è un’unità immobiliare e com’è identificata nella banca dati del catasto fabbricati
25 - Elenca le categorie catastali e danne una descrizione sin tetica
26 - L’attuale ente gestore del catasto fabbricati è l’Agenzia de Territorio V/F
27 - La principale finalità del catasto fabbricati è fiscale V/F
28 - Un’unità immobiliare è presente in banca dati con sezione, foglio, particella e subalterno V/F
29 - Le visure catastali possono essere solo per soggetto V/F
30 - La planimetria catastale di un’unità immobiliare è “ordinariamente” rappresentata in scala 1:500 V/F
31 - L’elaborato planimetrico schematizza la divisione in subalterni di un fabbricato V/F
32 - La consistenza di un’unità immobiliare in categoria A è espressa in m 2 V/F
33 - Una stanza uso abitativo (esempio: cucina, camera da letto, ecc.) con area fino a 20 m2 è un vano catastale V/F
34 - Fabbricato di civile abitazione (categoria A2), con rendita unitaria di 40 euro/vano, consistenza 5,5 vani, rendita catastale dell’unità immobiliare = 200,00 euro V/F
35 - Una categoria C2 classe 3 di 20 m 2 ha una rendita inferiore di una categoria C2 classe 1 con pari consistenza V/F
36 - Un bene comune non censibile non ha rendita V/F
37 - La superficie catastale di un’unità immobiliare ordinaria categoria A è necessaria per la determinazione della tassa sullo smaltimento rifiuti (ex Tarsu) V/F


“Geometri di Valle Camonica” a Roma in visita alle sedi della Cassa e del CNG

da “IL GEOMETRA BRESCIANO - 2012/1”


Geometra Bresciano

Il viaggio a Roma, nel week end dal 25 al 27 novembre scorso, organizzato dall’Associazione Geometri di Valle Camonica, ha visto come compagni di avventura sette colleghi camuni. Come prima uscita è andata veramente bene, grazie alle condizioni climatiche ottimali, la precisa organizzazione e anche alla natura allegra e amichevole dei partecipanti.

La prima tappa di questo viaggio non è stata, come si potrebbe pensare, la visita al Colosseo o a qualche altro monumento storico, bensì quella alla Cassa Nazionale Geometri e, successivamente, al Consiglio Nazionale Geometri.

L’elegante palazzo Corrodi sul Lungotevere Arnaldo da Brescia, è la sede della Cassa Nazionale dove, in quel frangente, si stava svolgendo l’assemblea di fine anno. I delegati alla Cassa nazionale erano infatti riuniti quella mattina nella grande sala delle conferenze, intenti nel dibattito su problematiche della nostra previdenza e della vita dei Collegi.

Ovviamente, non avremmo potuto andar via senza dare un’occhiata anche al resto del palazzo e infatti, grazie alla cortesia di un collega romano che ci ha fatto da guida, siamo saliti ai piani superiori dell’edificio per visitarne le sale e gli uffici di segreteria e della presidenza.

Quanto al Consiglio Nazionale, non ci è mancata nell’occasione la calorosa e cortese accoglienza del suo presidente, Fausto Savoldi, che ci ha guidati verso piazza Colonna, dove, proprio di fronte a Palazzo Chigi, ha sede il vertice direttivo della categoria. Qui, una lunga scala porta al sesto piano nell’ufficio presidenziale, dal cui balcone si domina il panorama della sottostante piazza, al centro della quale spicca la colonna di Marco Aurelio con lo straordinario “fumetto” spiraliforme delle sue imprese militari e alla cui sommità sta la statua bronzea di San Paolo voluta da papa Sisto V alla fine del Cinquecento.

Accolti attorno ad un tavolo, il Presidente con grande disponibilità ci ha illustrato alcune problematiche che la nostra categoria sta affrontando, come la riforma degli ordini professionali, la difesa della nostra professionalità, la formazione continua, prospettandoci il futuro pieno di sfide e impegni che ci attende.

Concluse le visite “istituzionali”, abbiamo indossato i panni dei turisti e per tutto il resto del soggiorno romano abbiamo girato in lungo e in largo la capitale cercando di vedere quanti più fosse possibile fra monumenti, basiliche, e luoghi che hanno segnato le vicende anche recenti della città. In conclusione, non si può non affermare che qui veramente si respira la storia: ogni angolo nasconde tesori grandiosi e straordinari di arte e cultura. Roma ha una storia lunga, solenne, leggendaria, che i suoi incomparabili monumenti testimoniano, lasciando sbigottiti i turisti italiani e stranieri che la visitano.

Il nostro pur ristretto ma variegato gruppo – per età e interessi culturali – si è goduto l’incontro con le magnificenze storiche e architettoniche della città con entusiasmo e serenità, ... senza tuttavia farsi mancare anche più prosaiche esplorazioni gastronomiche – secondo la migliore tradizione della categoria – che, a queste latitudini, sono quanto mai tentatrici e succulente.

Visitare Roma è sempre un istruttivo piacere. Soddisfatti ed entusiasti per l’ottima esperienza, nel 2012 valuteremo nuove proposte per altri itinerari.

Matteo Furloni, Riccardo Massaroni

vedi foto


Nuova sede per l’Associazione Geometri di Valle Camonica

da “IL GEOMETRA BRESCIANO - 2012/1”

Il giorno 28 gennaio si è tenuta a Breno la cerimonia di inaugurazione della nuova sede dell’Associazione Geometri di Valle Camonica. Nell’introdurre il tradizionale taglio del nastro il geom. Diego Salvetti, giovane vicepresidente dell’Associazione, ha ringraziato in modo particolare l’Amministrazione Comunale che ha concesso in comodato d’uso la sala adibita a sede dell’Associazione e i Presidenti dei Collegi Provinciali di Brescia e Bergamo che operano da tempo in Valle Camonica in collaborazione con l’Associazione per la gestione dei corsi di formazione e aggiornamento professionale.

La presidente dell’Associazione, geom. Emanuela Farisoglio, nel presentare la nuova sede ha sottolineato il conseguimento dell’ambiziosa promessa di renderla operativa entro un anno dalla concessione degli ambienti, consentendo così la realizzazione di un nuovo luogo di aggregazione per il territorio camuno che il Sindaco di Breno ha auspicato venga messo a disposizione non solo dei professionisti ivi operanti, ma all’occorrenza anche delle necessità della cittadinanza.

La geom. Farisoglio ha letto, durante il suo intervento, anche una comunicazione di augurio fatta pervenire dall’Associazione dei geometri della Castellana di Castelfranco Veneto, che sta proponendo sul proprio territorio una simile esperienza. Alla cerimonia hanno partecipato il presidente del Collegio geometri e geometri laureati della provincia di Brescia, Giovanni Platto, e il presidente del Consiglio Nazionale Geometri, Fausto Savoldi.

Nel suo intervento il geom. Platto ha sottolineato il valore positivo della collaborazione tra Collegio e Associazioni di colleghi legate al territorio, che in tal modo possono contribuire a migliorare il servizio reso agli iscritti. Tale collaborazione consente infatti al Collegio di essere ancora più vicino alle loro necessità e di raccoglierne segnalazioni e suggerimenti, offrendo ai consiglieri e ai consultori di zona un luogo presso il quale incontrare i colleghi.

Ha quindi preso la parola il geom. Savoldi che – grato dell’invito – ha informato i presenti di aver di recente partecipato alla presentazione del nuovo Piano di Protezione Civile della città di Messina: un progetto che ha evidenziato la positiva collaborazione tra geometri, geologi e dottori agrari e forestali. Questa esperienza gli ha consentito di sottolineare come la profonda conoscenza del proprio territorio renda il contributo dei geometri fondamentale nella predisposizione di progetti di salvaguardia attenti alle necessità locali; da queste sue considerazioni è scaturita una prima positiva valutazione sul compito delle Associazioni: fornire corretti suggerimenti per gestire il gravoso problema del dissesto idrogeologico che affligge molte zone d’Italia. «Questa competenza – ha detto – può portare anche a risultati positivi per la nostra professione, per esempio, nelle demolizioni e nella corretta gestione dei detriti ad essa connessi».

Un secondo aspetto richiamato dal presidente Savoldi è stato quello del futuro svolgimento della professione: sempre meno legata alla figura del professionista che opera da solo, è destinata ad avvalersi di forme associative sempre più diffuse. Questa considerazione si collega ad alcuni punti sviluppati nel nuovo regolamento professionale: quello delle società di capitale e delle società professionali, quello dell’obbligo dell’assicurazione privata per la responsabilità civile, quello della formazione continua per tutti gli iscritti non finalizzata all’acquisizione di crediti fine a se stessi, ma alla necessità di essere tecnicamente aggiornati e competitivi sul mercato. Savoldi si è detto favorevole all’accesso all’Albo a chiunque abbia superato l’esame di Stato – quindi anche ai dipendenti degli studi professionali e ai dipendenti pubblici, ai quali è necessario fornire la stessa formazione professionale dei liberi professionisti, al fine di assicurare a tutti uniformità di competenza nello svolgimento del proprio lavoro.

Altro tema che sta a cuore al presidente Savoldi è quello dell’attenzione ai giovani, che devono essere contattati, coinvolti, sollecitati e aiutati anche attraverso una nuova strategia formativa che consenta loro di acquisire le cognizioni tecnicoculturali necessarie per entrare preparati nel mondo del lavoro.

Il suggerimento che il geom. Savoldi ha rivolto all’Associazione è quello di rendersi propositiva nei confronti delle Amministrazioni comunali offrendo loro la collaborazione nella gestione dei problemi del territorio. L’intervento del geom. Savoldi, specialmente nella parte riferita ai giovani, ha poi consentito al geom. Platto di segnalare le diverse collaborazioni del Collegio di Brescia con i Presidi di vari Istituti della Provincia: l’ipotesi di creazione di un Comitato Tecnico Scientifico provinciale, la proposta di utilizzare propri iscritti per docenze in corsi specializzanti, la sottoscrizione di un’associazione temporanea di scopo con Collegio Costruttori, Scuola Edile, Istituti Tecnici, Università, Provincia al fine di dare vita a un corso I.T.S.

Il geom. Platto si è anche fatto portavoce del suggerimento dei presidi degli Istituti provinciali rivolto al Consiglio Nazionale di attivarsi su una copertura assicurativa che faciliti il coinvolgimento degli studenti in tirocini formativi, economicamente vantaggiosa per gli Istituti stessi.

L’occasione dell’inaugurazione della nuova sede dell’Associazione geometri di Valle Camonica ha consentito ai presenti di interrogarsi su alcuni temi di importanza nazionale, oltre che ricevere conferma della propria rilevanza quale componente collaborativa del Collegio Provinciale.

Stefano Benedini


Due soci premiati

Complimenti dall'Associazione Geometri di Valle Camonica ai colleghi Vitale Moglia e Silvano Bonicelli rispettivamente per i 50 ed i 40 anni di iscrizione al Collegio Geometri, premiati ufficialmente il 17 giugno 2011.

Vitale Moglia
Vitale Moglia

Silvano Bonicelli
Silvano Bonicelli


Incontro con l'Associazione geometri della Castellana

incontro Associazione geometri castellana

Le associazioni dei geometri decentrate dalla sede principale: una realtà sempre più frequente per migliorare e crescere insieme! L’associazione Geometri di Valle Camonica non è l’unica associazione distaccata sorta alle spalle della sua sede principale.

Un esempio è l’Associazione geometri della Castellana con sede in Castalfranco Veneto (TV). Tale associazione è stata costituita nella primavera del 1996 e quindi è già attiva sul territorio da ben 15 anni.

Scopo primario dell’associazione è quello di promuovere la formazione professionale, la conoscenza, l’aggiornamento, il sapere e per ultimo ma non per questo meno importante, la collaborazione tra colleghi geometri al fine di costruire rapporti e avviare la cultura del confronto.

Si ritiene, infatti, che proprio la cultura del confronto tra i colleghi, dai più giovani ai più anziani di professione, rappresenti il punto di forza per rilanciare e consolidare la figura del geometra libero professionista.

incontro Associazione geometri castellana

Attualmente il consiglio direttivo è composto da sette componenti:
- geom. LUCIO GAZZOLA, Presidente
- geom. SERGIO FONTANIVE, Vice-presidente
- geom. MATTEO LUCIETTI, Segretario
- geom. GIOVANNI PAROLIN, Tesoriere
- geom. FABIO CIVIERO, Consigliere
- geom. IGINIO LIBRALATO, Consigliere
- geom. GIANNI PERIN, Consigliere

L’associazione ha promosso varie iniziative di collaborazione con le amministrazioni comunali a livello mandamentale ovvero tra i comuni di Castelfranco Veneto, Loria, Castello di Godego, Riese Pio X, Resana e Vedelago.

In particolare è stata costituita con la Confartigianato locale un rapporto di sinergia sulle problematiche che vedono le imprese edili ed i geometri liberi professionisti confrontarsi tutti i giorni nei cantieri.

Anche con gli avvocati si è costruito un rapporto di confronto e collaborazione sempre con l’obiettivo di discutere prima sui problemi o sulle varie tematiche che qualche volta portano l’avvocato “contro” il progettista o direttore lavori.

L’associazione Geometri di Vallecamonica è vicina ai colleghi dell’associazione della Castellana con i quali mantiene rapporti di confronto e scambio di idee per migliorare e poter dare ai geometri un supporto importante nella formazione professionale continua.

La primavera scorsa è stato fatto un incontro conviviale tra le due associazioni; in quella sede è stato anche possibile approfondire le tematiche e le problematiche che entrambe incontrano nel far conoscere e sensibilizzare i colleghi geometri sull’importanza della partecipazione all’associazione.

Geom. Ducoli Gina
Consigliere dell’Associazione
Geometri di Valle Camonica


Associazione geometri: nuovi vertici

da “GIORNALE DI BRESCIA - 6-3-2011”

VALCAMONICA L'Associazione geometri della Valle Camonica tra continuità e rinnovamento. Si é tenuta nei giorni scorsi a Capo di Ponte la prima assemblea del 2011 dell’associazione che fa capo al presidente Emanuela Farisoglio.

Oggetto dell’incontro: approvazione del bilancio 2010, rinnovo delle cariche e nomina del nuovo consiglio direttivo. Alla presenza del sindaco di Capo di Ponte, Francesco Manella, dei presidenti del Collegio dei Geometri e delle province di Brescia e Bergamo, Giovanni Platto e Renato Ferrari e del presidente del Consiglio nazionale dei geometri, Fausto Savoldi, è stata riconfermata la fiducia a cinque consiglieri: Silvano Bonicelli,Emanuela Farisoglio, Riccardo Massaroni, Fabio Rivadossi e Diego Salvetti. Quattro i neo eletti: Gina Ducoli, Matteo Furloni, Claudio Pezzotti e Gino Ruggeri. Nelle prossime settimanc verrà divulgato il programma degli eventi formativi e delle iniziative per il nuovo anno.


È nata l'Associazione dei geometri camuni

da “GIORNALE DI BRESCIA - 23-10-2009”

VALCAMONICA - Geometri di Vallecamonica, unitevi. Magari nella nuova associazione del presidente Emanuela Farisoglio.

Si è messa ufficialmente al lavoro la squadra dell'«Associazione Geometri di Vallecamonica», nata per iniziativa di alcuni giovani professionisti con l’intento di facilitare e migliorare lo svolgimento della professione nel territorio valligiano.

Niente scopo di lucro né colorazioni politiche, ma obiettivi ambiziosi «da raggiungere con la collaborazione e lo spirito associativo di tutti i componenti», spiega Farisoglio, «La Valcamonica, tanto dal punto di vista geografico quanto sotto l’aspetto della professione, è una realtà con peculiarità proprie e diverse rispetto a quelle di una città o di altre aree della provincia.

La nostra associazione dovrà svolgere un ruolo di supporto al Collegio geometri della provincia di Brescia cosi da agevolare l’accesso ai principali servizi e collaborare per organizzare corsi, incontri e conferenze da tenere in Valle».

Consulenza e sostegno in ambito legale facendo da interlocutori al Collegio geometri, promuovere la collaborazione con i colleghi delle province vicine, incentivare 1’inserimento dei giovani geometri nell’attività lavorativa e diventare punto di riferimento per le amministrazioni locali, gli uffici territoriali e gli istituto scolastici: per Silvano Bonicelli, Emanuela Farisoglio, Riccardo Massaroni e Fabio Rivadossi, fondatori dell’Associazione, l’avventura è appena cominciata.

Chi volesse saperne di più non ha che da farsi avanti nella sede di Assocamuna, in via Stassano a Darfo, o telefonando al numero 0364.534580.


I geometri della valle hanno unito le energie per migliorare il lavoro

da “BRESCIAOGGI - 1-12-2009”

La "vernice" è avvenuta nei giorni scorsi, ed è servita a tenere a battesimo una nuova realtà professionale che mancava in Valcamonica. Parliamo della nascita dell'associazione dei geometri presentata a Darfo: la cittadina che ospita la sede.

Sollecitata da un gruppo di tecnici del settore, la rappresentanza territoriale resterà naturalmente legata al Collegio geometri provinciale, e si proporrà come supporto per le attività nell'area valligiana.

”L'idea della costituzione – ha spiegato la presidente Emanuela Farisoglio – è nata dall'esigenza di affrontare una serie di difficoltà per chi svolge questa professione in Valcamonica: la posizione decentrata del territorio e la sua estensione e la specifica tipicità di questa zona ci hanno indotto ha creare una realtà che faciliti e migliori lo svolgimenti delle attività dei professionisti locali”.

Dopo aver presentato in via preliminare l'iniziativa ai vertici del Collegio di Brescia e dopo aver ottenuto il via libera all'operazione, il 23 luglio scorso l'associazione è stata formalmente fondata.

Gli obiettivi? Oltre alla tutela della professione, l'incentivazione dello spirito associativo, il supporto al collegio provinciale, l'organizzazione di corsi e conferenze, l'inserimento dei giovani nell'attività lavorativa e l'appoggio alle amministrazioni comunali e alle scuole. Infine anche l'individuazione di una nuova figura professionale legata al territorio.

Il gruppo di lavoro che seguirà l'avvio del sodalizio è costituito dai soci fondatori: la presidente Emanuela Farisoglio, il vice Diego Salvetti, il segretario Riccardo Massaroni, il tesoriere Fabio Rivadossi e i consiglieri Silvano Bonicelli e Gian Luigi Veraldi che insieme costituiscono il consiglio direttivo provvisorio.

Con il 2010 si procederà alla convocazione dell'assemblea e alla nomina del direttivo ufficiale. - E. Flo


È nata l’Associazione Geometri di Valle Camonica

da “IL GEOMETRA BRESCIANO - 2009/5”

Come avevamo anticipato nel n. 2/2009 della nostra rivista, è stata ufficialmente costituita l’Associazione Geometri di Valle Camonica. L’iniziativa è nata da un gruppo di giovani geometri che svolgono con passione la professione e che intendono sviluppare molte proposte interessanti per migliorare l’esercizio dell’attività sul territorio camuno.

Il 23 luglio scorso presso lo studio del Notaio dott. Giorgio Cemmi di Darfo Boario Terme, è stata formalmente creata l’Associazione Geometri di Valle Camonica me diante la stipula dell’atto costitutivo e l’ufficializzazione dello Statuto. L’iniziativa dei colleghi camuni, come già anticipato a pagina 38 del n. 2/2009 de “Il geometra bresciano”, si propone di sostenere l’attività del Collegio geometri direttamente in Valle Camonica e di promuovere la collabora zione tra geometri e geometri laureati. Fino alla prima assemblea, prevista per il nuovo anno, l’Associazione sarà retta da un Consiglio direttivo provvisorio; a tale proposito sono stati assegnati i seguenti mandati: Presidente: geom. Emanuela Farisoglio (Darfo Boario Terme); Vice presidente: geom. Diego Salvetti (Darfo boario Terme); Segretario: geom. Riccardo Massaroni (Angolo Terme); Tesoriere: geom. Fabio Rivadossi (Breno).

Potranno fare richiesta di adesione all’Associazione i colleghi iscritti al Collegio geometri e geometri laureati della provincia di Brescia e Bergamo, residenti o che esercitino la libera professione in Valle Camonica, Valle di Scalve e nei Comuni di Lovere, Costa Volpino e Rogno. Saranno ammessi anche i geometri diplomati o iscritti all’elenco dei praticanti delle medesime zone.

La quota associativa annuale è pari a euro 50,00 ad esclusione dei praticanti per i quali è prevista una quota ridotta: euro 10,00.

L’adesione comporterà il diritto di voto in assemblea, la partecipazione e l’eventuale agevolazione a tutte le iniziative che verranno promosse dall’Associazione geometri di Valle Camonica.

Attualmente la sede dell’Associazione è in via Stassano n. 16 a Darfo Boario Terme, presso gli uffici della S. Eventi s.r.l., contattabile per eventuali informazioni al n. telefonico 0364.534580; e- mail: geometridivallecamonica@assocamuna.it

La presentazione dell’Associazione è avvenuta nel mese di ottobre con un incontro pubblico alla presenza di rappresentanti dei Collegi di Brescia e Bergamo. Ora si attendono numerose adesioni in modo che possano essere realizzate le molteplici attività previste.

Un ringraziamento particolare va rivolto ai colleghi Silvano Bonicelli, Gian Luigi Veraldi, Fabio Monchieri e Angiolino Balzarini per la collaborazione prestata.

Emanuela Farisoglio


“Geometricamuni”: interessante iniziativa a servizio dei colleghi della Valcamonica

da “IL GEOMETRA BRESCIANO - 2009/2”


Ammirevole proposta di alcuni tecnici camuni per la creazione di un’associazione sul territorio valligiano a sostegno del Collegio geometri e dell’attività dei colleghi presenti in Valle Camonica. Al centro del progetto la volontà di potenziare l’immagine della professione ed incentivare lo spirito associativo tra i geometri della Valle. Riferiamo la proposta e gli obiettivi della nascente associazione

L'idea della della creazione di un'associazione di geometri della Valle Camonica nasce da un gruppo di tecnici che, confrontandosi tra loro, hanno riscontrato la medesima volontà di migliorare le condizioni dell'esercizio della professione sul territorio valligiano.

La posizione decentrata rispetto alla città di Brescia e l'estensione stessa della Valle Camonica, non favoriscono l'accesso ai principali uffici e servizi provinciali, penalizzando l'attività lavorativa; spesso, inoltre, si verificano questioni professionali specifiche, ovviamente ben differenti da quelle che, ad esempio, affrontano i colleghi della Valtrompia piuttosto che quelli operanti nella zona del Lago di Garda.

L'intenzione e quella di fondare un'associazione senza scopo di lucro, estranea a qualunque orientamento politico, per facilitare e migliorare lo svolgimento della professione in Valle Camonica. La nascente associazione si prefiggei i seguenti obiettivi fondamentali, per valorizzare e promuovere la professione degli iscritti operanti in loco:

Chiaramente i “Geometri camuni” non intendono sostituirsi in alcun modo al prestigioso ordinamento provinciale, al quale sono fieri di appartenere, bensì affiancarsi come organismo di sostegno, per colmare le distanze che realisticamente il Collegio non può coprire.

A tal proposito il progetto, illustrato in via preliminare, ha suscitato particolare apprezzamento e consenso da parte dei vertici del Collegio, avendo colto lo spirito dei “Geometricamuni” di proporsi per valorizzare la categoria ed incentivare la collaborazione tra i tecnici della Valle Camonica.

Il gruppo di lavoro nonché dei soci fondatori composto dai colleghi Silvano Bonicelli, Emanuela Farisoglio, Riccardo Massaroni, Fabio Rivadossi, Diego Salvetti e Gian Luigi Veraldi, con grande determinazione sta definendo gli ultimi aspetti pratici per la presentazione ufficiale dell’associazione, con l’auspicio che i colleghi valligiani sappiano cogliere questa importante opportunità per la qualificazione e il sostegno della professione nella stimata Valle Camonica.

Emanuela Farisoglio


Atto costitutivo

Repertorio n. 107989
Raccolta n. 14913

"ASSOCIAZIONE GEOMETRI DI VALLE CAMONICA"
Repubblica Italiana

Il ventitrè luglio duemilanove, 23 luglio 2009, in Darfo Boario Terme, nel mio studio sito in Via Albera, civico numero diciotto, avanti a me dottor GIORGIO CEMMI, notaio residente in Darfo Boario Terme ed iscritto presso il Collegio Notarile di Brescia, sono presenti i signori:

Geom. BONICELLI SILVANO, nato in Darfo Boario Terme (BS) il 10 febbraio 1950, residente e fiscalmente domiciliato in Darfo Boario Terme (BS), Via Giacomo Brodolini n. 4
Codice Fiscale BNC SVN 50B10 D251J

Geom. FARISOGLIO EMANUELA, nata in Iseo (BS) il 19 settembre 1978, residente e fiscalmente domiciliata in Darfo Boario Terme (BS), Via Giacomo Cappellini n.132
Codice Fiscale FRS MNL 78P59 E333E

Geom. MASSARONI RICCARDO, nato in Darfo Boario Terme (BS) il 17 febbraio 1967, residente e fiscalmente domiciliato in Angolo Terme (BS), Via Regina Elena n. 157
Codice Fiscale MSS RCR 67B17 D251K

Geom. RIVADOSSI FABIO, nato in Breno (BS) il 12 febbraio 1977, residente e fiscalmente domiciliato in Breno (BS), Via Valverti n. 34
Codice Fiscale RVD FBA 77B12 B149T

Geom. SALVETTI DIEGO, nato in Breno (BS) il 19 febbraio 1978, residente e fiscalmente domiciliato in Darfo Boario Terme (BS), Via Sottomassi n. 12
Codice Fiscale SLV DGI 78B19 B149C

Geom. VERALDI GIAN LUIGI, nato in Iseo (BS) il 29 giugno 1975, residente e fiscalmente domiciliato in Bienno (BS), Via Pradelli n. 8
Codice Fiscale VRL GLG 75H29 E333A.

Detti comparenti, cittadini italiani, delle cui identità personali io notaio sono certo, con il presente atto convengono e stipulano quanto segue:

  1. È costituita tra i comparenti una Associazione denominata: "Associazione Geometri di Valle Camonica"
  2. L'Associazione ha sede legale in Darfo Boario Terme (BS) Via Stassano n.16.
  3. L’Associazione non ha scopo di lucro, è estranea a qualunque orientamento politico e persegue esclusivamente finalità di natura culturale, rivolte all’attività professionale dei Geometri liberi professionisti.
    L’Associazione si prefigge i seguenti obiettivi:
    - tutelare ed elevare l’immagine della professione del Geometra;
    - incentivare la collaborazione, la solidarietà e lo spirito associativo tra i geometri della Valle Camonica;
    - svolgere un ruolo di supporto e di intermediazione con il Collegio dei geometri e geometri laureati della provincia di Brescia;
    - sostenere la collaborazione con i colleghi delle province limitrofe e con altre analoghe associazioni di liberi professionisti presenti sul territorio, favorendo l’interscambio di conoscenze ed esperienze e quindi l’accrescimento professionale;
    - dare vita ad una figura professionale specifica legata al territorio;
    - dedicarsi, con opportune iniziative, all’inserimento dei giovani geometri nell’attività lavorativa;
    - configurarsi come punto di riferimento per le Amministrazioni locali, gli Uffici Territoriali e gli Istituti scolastici.
    A tale fine l’associazione potrà:
    - promuovere, coordinare, realizzare e sviluppare con ogni idoneo strumento ed avvalendosi di ogni mezzo utile studi, aggiornamenti, convegni, congressi e, comunque, occasioni per stimolare aggiornamenti, approfondimenti e studi nelle materie di specifica competenza del geometra;
    - promuovere collaborazioni e intese culturali con enti, istituzioni, associazioni nazionali ed internazionali per l’approfondimento delle tematiche connesse all’attività professionale;
    - curare la pubblicazione della stampa di categoria;
    - svolgere ogni altra iniziativa che il consiglio riterrà utile e necessaria per il raggiungimento dei fini istituzionali dell’associazione.
    Per il conseguimento dei suddetti fini, l’organo direttivo avrà la libertà di promuovere qualsiasi attività o iniziativa, anche di prestazione di servizi a favore di terzi.
  4. L'Associazione è retta dallo statuto composto di 21 (ventuno) articoli che, previa lettura da me notaio datane alle parti e dalle stesse insieme con me sottoscritto, si allega al presente atto sotto la lettera "A".
  5. A dotare inizialmente l'Associazione i comparenti dichiarano di avere già versato nelle casse sociali la somma di Euro 50,00 (cinquanta virgola zero zero) ciascuno.
    Il patrimonio dell'associazione ammonta, pertanto, ora ad Euro 300,00 (trecento virgola zero zero).

    La stessa quota associativa di Euro 50,00 (cinquanta virgola zero zero) è fin d'ora stabilita per coloro che entreranno a far parte dell'Associazione nel corso del corrente anno, ad esclusione dei praticanti, per i quali è prevista una quota ridotta pari ad Euro 10,00 (dieci virgola zero zero).

  6. Il primo esercizio finanziario della qui costituita associazione si chiuderà il 31 (trentuno) dicembre 2009 (duemilanove).
  7. Inizialmente e fino alla prima assemblea l'Associazione sarà retta da un Consiglio Direttivo composto da 4 (quattro) membri, nelle persone dei Geometri Farisoglio Emanuela, Massaroni Riccardo, Rivadossi Fabio e Salvetti Diego.
    Fra di questi il Geom. Farisoglio Emanuela, il Geom. Salvetti Diego, il Geom. Massaroni Riccardo ed il Geom. Rivadossi Fabio vengono designati ad assumere rispettivamente le funzioni di Presidente, di Vice Presidente, di Segretario e di Tesoriere.

Richiesto, io notaio ho ricevuto questo atto. Di esso ho dato lettura alle parti che, a piena conferma con me notaio lo sottoscrivono alle ore diciotto e trenta. Consta di un foglio scritto con mezzi elettronici da persona di mia fiducia e da me completato a mano su tre facciate fin qui.

F.to Bonicelli Silvano
F.to Emanuela Farisoglio
F.to Riccardo Massaroni
F.to Fabio Rivadossi
F.to Salvetti Diego
F.to Gian Luigi Veraldi
F.to Giorgio Cemmi (L.S.)


Statuto

Art. 1 - Denominazione
L’Associazione è denominata: "Associazione Geometri di Valle Camonica".

Art. 2 - Sede
L’Associazione ha sede provvisoria in Darfo Boario Terme (BS), Via Stassano n.16. Il consiglio direttivo in carica ha facoltà di spostare la sede in altro luogo.

Art. 3 - Oggetto e scopo
L’Associazione non ha scopo di lucro, è estranea a qualunque orientamento politico e persegue esclusivamente finalità di natura culturale, rivolte all’attività professionale dei Geometri liberi professionisti.
L’Associazione si prefigge i seguenti obiettivi:
- tutelare ed elevare l’immagine della professione del Geometra;
- incentivare la collaborazione, la solidarietà e lo spirito associativo tra i geometri della Valle Camonica;
- svolgere un ruolo di supporto e di intermediazione con il Collegio dei geometri e geometri laureati della provincia di Brescia;
- sostenere la collaborazione con i colleghi delle province limitrofe e con altre analoghe associazioni di liberi professionisti presenti sul territorio, favorendo l’interscambio di conoscenze ed esperienze e quindi l’accrescimento professionale;
- dare vita ad una figura professionale specifica legata al territorio;
- dedicarsi, con opportune iniziative, all’inserimento dei giovani geometri nell’attività lavorativa;
- configurarsi come punto di riferimento per le Amministrazioni locali, gli Uffici Territoriali e gli Istituti scolastici.
A tale fine l’associazione potrà:
- promuovere, coordinare, realizzare e sviluppare con ogni idoneo strumento ed avvalendosi di ogni mezzo utile studi, aggiornamenti, convegni, congressi e, comunque, occasioni per stimolare aggiornamenti, approfondimenti e studi nelle materie di specifica competenza del geometra;
- promuovere collaborazioni e intese culturali con enti, istituzioni, associazioni nazionali ed internazionali per l’approfondimento delle tematiche connesse all’attività professionale;
- curare la pubblicazione della stampa di categoria;
- svolgere ogni altra iniziativa che il consiglio riterrà utile e necessaria per il raggiungimento dei fini istituzionali dell’associazione.
Per il conseguimento dei suddetti fini, l’organo direttivo avrà la libertà di promuovere qualsiasi attività o iniziativa, anche di prestazione di servizi a favore di terzi.

Art. 4 - Patrimonio ed entrate dell’Associazione
Il patrimonio dell’Associazione è formato da tutti i beni mobili e immobili che pervengono alla stessa a qualsiasi titolo, da elargizioni o contributi da parte di privati o enti pubblici e privati, nonché da eventuali avanzi netti di gestione.
Per il conseguimento delle proprie finalità l'Associazione dispone delle seguenti entrate:
- quote associative, contributi, elargizioni di denaro da parte dei sostenitori o di terzi;
- redditi derivanti dal proprio patrimonio;
- contributi di privati, società ed enti pubblici e privati.
Sono comunque possibili altre forme di finanziamento proposte dal Consiglio Direttivo e deliberate dall’Assemblea.
Ogni versamento deve comunque intendersi a fondo perduto; in nessun caso, e quindi nemmeno in caso di scioglimento dell’Associazione può darsi luogo a ripartizioni o assegnazioni di somme, a qualsiasi titolo, agli associati.
I versamenti non creano altri diritti di partecipazione trasmissibili a terzi, neanche in caso di successione.

Art. 5 - Fondatori, soci e aggregati dell’Associazione
Sono aderenti all’Associazione:
- i soci fondatori;
- i soci effettivi;
- i soci aggregati.
Sono Soci Fondatori coloro che sono intervenuti all’atto della costituzione dell’Associazione.
Sono Soci Effettivi tutti coloro che ne fanno richiesta purché iscritti al Collegio dei geometri e geometri laureati della provincia di Brescia o di Bergamo, residenti o che esercitano la libera professione in Valle Camonica, Valle di Scalve o nei Comuni di Lovere, Costa Volpino e Rogno.
Sono soci aggregati tutti i geometri diplomati o iscritti all’elenco dei praticanti.

Art. 6 - Modalità di iscrizione dei soci
L’adesione all’Associazione per i soci è a tempo determinato annuale ed è subordinata al pagamento di una quota associativa che deciderà il consiglio in seno all’assemblea annuale (attualmente stabilita pari a Euro 50,00 (cinquanta virgola zero zero), ad esclusione dei praticanti, per i quali è prevista una quota ridotta pari a Euro 10,00 (dieci virgola zero zero)).
L’adesione comporta il diritto di voto in assemblea per ogni tipo di delibera.
Il recesso è ammesso in qualunque momento, previa comunicazione dell’interessato, ed avrà efficacia dall’inizio del secondo mese successivo alla comunicazione.
In presenza di gravi motivi il Consiglio Direttivo può stabilire l’esclusione di un associato, al quale dovrà notificare tale provvedimento con le opportune motivazioni.

Art. 7 - Dimissioni, decadenza, espulsione
La qualità di partecipante si perde per:
- dimissioni scritte;
- decesso;
- insolvenza quota associativa;
- perdita dei requisiti necessari per l’ammissione;
- espulsione, decisa dal Consiglio Direttivo, per gravi motivi e qualora l’associato si renda responsabile di azioni contrastanti con le finalità dell’Associazione.

Art. 8 - Organi dell’Associazione
Sono organi dell’associazione:
- l’Assemblea dei soci;
- il Consiglio Direttivo;
- il Presidente;
- il Collegio dei Revisori.

Art. 9 - Assemblea dei soci
L’Assemblea è composta da tutti gli aderenti all’Associazione.
Sono di competenza dell’Assemblea:
- la nomina del Consiglio Direttivo;
- l’approvazione del bilancio annuale;
- la definizione degli indirizzi generali dell’attività dell’Associazione;
- l’approvazione degli eventuali regolamenti interni proposti dal Consiglio o la modifica del presente statuto;
- l’approvazione del preventivo contabile dell’anno successivo e l’entità del contributo associativo;
- ogni decisione in merito allo scioglimento, alla liquidazione dell’Associazione ed alla devoluzione del suo patrimonio.
L’Assemblea è convocata dal Presidente ogni qualvolta questi lo ritenga opportuno, oppure quando ne sia fatta richiesta da almeno dieci associati o tre Consiglieri o dal Collegio dei Revisori.
La convocazione è effettuata mediante comunicazione (anche informatica) almeno dieci giorni prima della data stabilita per l’adunanza.
L’Assemblea è presieduta dal Presidente del Consiglio Direttivo o, in caso di sua assenza, dal Vice Presidente o, in caso di assenza anche di quest’ultimo, da un socio nominato dal Presidente.
L’Assemblea potrà validamente deliberare con il voto favorevole della maggioranza dei presenti, salvo che per deliberare lo scioglimento dell’Associazione e la devoluzione del patrimonio, decisioni per le quali è richiesto il voto favorevole della maggioranza degli associati.
Ogni socio, qualunque sia la sua qualifica o carica sociale, avrà diritto ad un voto; non sono ammesse le deleghe.
La votazione è per alzata di mano; si procede a scrutinio segreto per le elezioni degli organi sociali e per decisioni disciplinari o su richiesta di almeno due quinti dei votanti.
Possono essere votati tutti coloro che sono soci dell’Associazione.

Art. 10 - Consiglio Direttivo
L’Associazione è amministrata da un Consiglio Direttivo composto, a scelta dell’Assemblea, da tre a nove membri.
Le mansioni del Consiglio Direttivo sono:
- eleggere, al proprio interno, il Presidente, il Vice Presidente, il Segretario e il Tesoriere;
- promuovere e deliberare in merito alle iniziative ed ai provvedimenti tendenti a conseguire le finalità dell’Associazione;
- convocare l’Assemblea e curare l’esecuzione delle deliberazioni da essa adottate;
- redigere le relazioni sull’attività dell’Associazione, i bilanci preventivo e consuntivo da presentare annualmente all’Assemblea;
- deliberare l’ammissione di nuovi soci;
- proporre all’Assemblea l’ammontare del contributo associativo;
- proporre all’Assemblea l’allontanamento dei soci che non abbiano ottemperato alle finalità di cui all’art. 3;
- l’integrazione, per designazione da parte dei componenti già in carica, dei componenti del Consiglio Direttivo che, per qualsiasi motivo, non abbiano portato a termine il loro mandato, scegliendoli in ordine fra i primi non eletti; i Consiglieri così designati resteranno in carica fino alla prima Assemblea ordinaria, che provvederà alla conferma o alla elezione di altri Consiglieri.
Il Consiglio Direttivo nominato dall’assemblea dura in carica per cinque anni ed è rieleggibile.
In caso di sostituzione di uno o più consiglieri, quelli nominati dall’Assemblea in sostituzione di dimissionari, decaduti o dimessi, restano in carica fino alla scadenza dell’intero consiglio.
I consiglieri decadono dall’incarico per:
- dimissioni;
- revoca da parte dell’Assemblea;
- decadenza automatica, in caso di assenza prolungata, non giustificata, per oltre quattro riunioni consecutive del consiglio nell’anno solare.
Le riunioni del Consiglio vengono convocate dal Presidente oppure su istanza di almeno tre consiglieri rivolta al Presidente stesso, che provvederà alla convocazione, mediante semplice comunicazione (anche informatica) da inviarsi almeno cinque giorni prima della data prevista per la riunione.
Le riunioni del Consiglio sono valide se costituite dalla maggioranza dei consiglieri in carica.
Il Consiglio validamente costituito delibera con il voto favorevole della maggioranza dei consiglieri presenti. In caso di parità di voti prevarrà il voto del Presidente.
Al consigliere spettano i soli rimborsi delle spese sostenute, opportunamente documentate, in ragione dell’incarico svolto in conformità con gli indirizzi statutari deliberati dall’assemblea.

Art. 11 - Presidente e Vice-Presidente
Al Presidente dell’Associazione spetta la firma sociale e la rappresentanza di fronte a terzi e anche in giudizio.
Spetta al Presidente:
- la convocazione e la presidenza del Consiglio e dell’Assemblea;
- la cura dell’esecuzione delle delibere;
- la sorveglianza del buon andamento amministrativo dell’Associazione;
- la verifica dell’osservanza dello statuto e dei regolamenti;
- suggerire le direttive da sottoporre al Consiglio ed all’Assemblea dell’Associazione.
La gestione ordinaria e straordinaria dell’Associazione compete al Consiglio Direttivo quale organo collegiale. In casi eccezionali di necessità ed urgenza il Presidente può anche compiere atti di ordinaria e straordinaria amministrazione anche senza delibera del consiglio, che tuttavia dovrà essere convocato con urgenza per l’eventuale ratifica degli atti compiuti dal Presidente.
Il Presidente viene eletto dal Consiglio Direttivo, rimane in carica cinque anni ed è rieleggibile.
Il Vice Presidente sostituisce il Presidente in caso di sua assenza o impedimento.

Art. 12 - Collegio dei Revisori
Il Collegio dei Revisori dei conti si compone di tre membri, soci effettivi, nominati dall’Assemblea ordinaria; al proprio interno viene nominato il Presidente del Collegio dei Revisori.
Al Collegio dei Revisori spettano le seguenti funzioni:
- controllare la gestione amministrativa dell’Associazione;
- controllare il bilancio consuntivo da sottoporre all'Assemblea.
Le decisioni del Collegio dei Revisori sono prese a maggioranza.
L’incarico di revisore è gratuito ed incompatibile con quello di consigliere.
I revisori partecipano di diritto alle adunanze dell’Assemblea e del Consiglio Direttivo, con facoltà di intervento ma senza diritto di voto, verificano l’osservanza dello statuto e la regolare tenuta delle scritture contabili e sociali, relazionando sui bilanci predisposti dal Consiglio Direttivo.
Il Collegio dei Revisori dura in carica cinque anni ed è rieleggibile.
Il Tesoriere è tenuto a dare visione di tutti gli atti contabili e di cassa, quando ne sia fatta richiesta dai Revisori.

Art. 13 - Tesoriere
Il Tesoriere cura la gestione della cassa dell’Associazione e tiene la contabilità, predispone, dal punto di vista contabile, il bilancio consuntivo, accompagnandolo con l’eventuale relazione contabile.
Qualora gli aderenti all’associazione risultino inferiori a venti, la carica di Tesoriere può essere attribuita anche al Presidente.

Art. 14 - Segretario
Il Segretario coordina l’ufficio della segreteria, segue i contatti con i soci e cura le pubbliche relazioni dell’Associazione.
Redige e firma, unitamente al Presidente, i verbali delle assemblee e ne conserva i registri relativi.
Provvede affinché venga tenuto aggiornato l'elenco generale dei soci.

Art.15 - Gratuità delle cariche
Ogni carica nell’ambito dell'Associazione è gratuita, ed ai membri dei vari organi spetta unicamente il puro rimborso delle spese sostenute e documentate per l’esercizio delle funzioni assegnate.

Art. 16 - Libri dell’Associazione
Oltre alle scritture contabili eventualmente prescritte dalla legge, l’Associazione tiene i libri verbali delle adunanze e delle deliberazioni dell’Assemblea, del Consiglio Direttivo e, se nominato, quello del Collegio dei Revisori, nonché il libro degli aderenti all’associazione.

Art. 17 - Esercizi sociali e bilanci
Gli esercizi dell’Associazione si chiudono il 31 (trentuno) dicembre di ogni anno.
Entro la fine del mese di febbraio di ogni anno il Consiglio Direttivo è convocato per la predisposizione del bilancio consuntivo da sottoporre entro il mese di marzo all’Assemblea dei soci.

Art. 18 - Avanzi di gestione
L’Associazione ha l’obbligo di impiegare gli utili o gli avanzi di gestione per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse.

Art. 19 - Scioglimento e liquidazione
In caso di scioglimento dell’Associazione, per delibera dell’Assemblea o altra causa, è fatto obbligo di devolvere il patrimonio sociale al Collegio Provinciale dei Geometri.
Per tale delibera sarà necessario il voto favorevole della maggioranza degli associati.
Al fine di provvedere alle attività di liquidazione, il Consiglio Direttivo nomina un liquidatore che può essere scelto anche fra i membri del Consiglio uscente.

Art. 20 - Clausola compromissoria
Qualunque controversia sorgesse in dipendenza della esecuzione o interpretazione del presente statuto e che possa formare oggetto di compromesso, sarà rimessa al giudizio di un Arbitro amichevole compositore che giudicherà secondo equità e senza formalità di procedura entro un mese dalla ricezione dell'incarico.

Art. 21 - Legge applicabile
Per disciplinare ciò che non sia eventualmente previsto nel presente statuto, si deve far riferimento alle norme in materia di enti contenute nel libro I del codice civile.

F.to Bonicelli Silvano
F.to Emanuela Farisoglio
F.to Riccardo Massaroni
F.to Fabio Rivadossi
F.to Salvetti Diego
F.to Gian Luigi Veraldi
F.to Giorgio Cemmi (L.S.)

Associazione Geometri di Valle Camonica
sede legale e operativa: via G. Mazzini 12/a int. 1, Breno (Bs)
telefax: 0364-321311 - email: info@geometridivallecamonica.it